RECENSIONI LIBRI

Le recensioni di Studio83

Vissi d'ignoto amor - Recensione libro

Angelo ha diciotto anni e deve fare i conti con una forte timidezza che limita i suoi rapporti interpersonali. In particolare si strugge d’amore per Elisa, sorella di un amico, alla quale non è in grado di rivolgere la parola, tantomeno di confessare i propri sentimenti. Un giorno, la casa accanto alla sua viene occupata da Rosanna, ventiduenne in fuga da una situazione sentimentale e familiare complicata. Fra i due nasce una peculiare amicizia che, col tempo, potrebbe trasformarsi in qualcosa di più.

“Vissi d’ignoto amor” prende in prestito alcuni elementi del romanzo di formazione per raccontare l’evoluzione dei due protagonisti, entrambi spaventati davanti alle prove della vita, soprattutto quando riguardano i sentimenti e la necessità di misurarsi con essi. Sullo sfondo, la suggestiva cittadina di Montefalco, in Umbria, e una torrida estate degli anni Sessanta: una serie di elementi che l’autore cuce insieme in un grazioso affresco, raccontandoci una storia semplice e pulita, ed efficace proprio in virtù di ciò.

Elegante da un punto di vista tecnico e formale, “Vissi d’ignoto amor” sembra narrare il crollo dell’amore idealizzato dell’adolescenza; al suo posto ne nasce uno meno scontato, il sentimento imprevisto che spinge i protagonisti verso le prime fasi dell’età adulta. L’autore ci porta per mano lungo questo percorso, una storia che non punta al colpo di scena e non cerca l’originalità nell’intreccio; al contrario, sceglie un terreno già noto e collaudato per esplorarne i dettagli.

È un romanzo che si legge con piacere, scorrevole e a modo suo fresco, nel quale l’autore non fa mistero del proprio punto di vista sulle cose: cattolico di formazione, lascia che nella storia la fede abbia un peso fondamentale. Può sembrare un’impostazione che taglia fuori una fetta di lettori, ma in realtà il tema è ben amalgamato nell’intreccio; inoltre, riporta il tutto a un’atmosfera da romanzo ottocentesco – in veste però moderna – che apprezzerà molto chi ha amato i classici.

Nel complesso un buon romanzo d’esordio con una sua personalità, perfetto da leggere in un pomeriggio d’estate.

Ti è piaciuta la recensione? Lascia un commento sul blog!

Torna all'indice